CLAUDIA BOMBARDELLA

world d'autore con influenze classiche

"LEGGENDE, STRUMENTI E VOCI DEI POPOLI"

musiche e arrangiamenti di Claudia Bombardella


Progetto con Claudia sola e 19 strumenti: Voce, sax bar, fisarmonica, clarinetti, violino, violoncello, balafon, steel drum, sansa, birimbao, cajon, darbukat, tamburello, campana tibetana, tubo, fiddle horne (unicordo), organo a mantice, pentolino, scacciapensieri tailandese.



Il concerto è un viaggio nel mondo dei popoli nomadi (ebrei, zingari, armeni, esquimesi, mongoli...), delle terre che nei loro viaggi attraversano, di antiche tradizioni tribali di popoli di cui a malapena si conosce l'esistenza, del loro modo di vivere e fare musica, del loro modo di appropriarsi e miscelare suoni, leggende, ritmi e linguaggi.


CLAUDIA BOMBARDELLA

CLAUDIA BOMBARDELLA - Il Risveglio

Concerto con Claudia solista, quintetto d'archi e coro.


Un concerto individuale e corale allo stesso tempo, ideato e composto dalla polistrumentista Claudia Bombardella, che all’insegna di stili musicali di varie epoche e culture, si muove fra musica e poesia, ispirandosi a grandi poeti come E. Dickinson, R.M. Rilke, J. Racine, J. Attila, Rumi. Un viaggio sonoro che Claudia Bombardella compie insieme a un quintetto di straordinari musicisti e al coro Animae Voces, per raccontare con ironia e originalità le varie fasi del “risveglio” dell’essere umano alla propria coscienza.



KRISHNA BISWAS

chitarrista e compositore

KRISHNA BISWAS

Chitarrista elettrico ed acustico professionista





Il mio approccio al suono acustico e la decisione di comporre per chitarra acustica emergono dalla volontà di esprimere le immagini musicali,

le emozioni e i colori che fluiscono da un territorio interiore che ho custodito e curato nel tempo.              

                                                                       Krishna Biswas




world contemporanea

KATIA PESTI

pianoforte solo  / world contemporanea

KATIA PESTI - PIANO SOLO

Concerto pianoforte preparato e percussioni di Katia Pesti


La musica, composta dalla pianista compositrice Katia Pesti, è un viaggio sonoro nato dalla commistione fra minimalismo, contaminazioni rinascimentali, timbri balinesi; una ricerca di modalità espressive del tutto personali, finalizzata al raggiungimento di una dimensione musicale arcaica e contemporanea al tempo stesso.


Le composizioni sono assimilabili al concetto di “Nuova Musica” che richiede una tecnica differente da quella classica, e che prende spunto dall'uso del pianoforte preparato per poi fluire in un' originale dimensione compositiva .


Ispirandosi al grande compositore John Cage, il padre della nuova musica del secolo scorso, Katia Pesti ha sperimentato nelle sue composizioni il principio della relatività espresso da John Cage.


WORLD CONTEMPORANEA:      Claudia Bombardella      Krishna Biswas       Katia Pesti       Synthagma

world contemporanea
world contemporanea
world contemporanea

SYNTHAGMA Project

world elettronica

SYNTHAGMA project

MICHELA SCARPINI – voce solista, dulcimers, percussioni

CESARE GUASCONI - ghironda, geyerleyer, synth, cori

DANIELE NUTARELLI – chitarra acustica ed elettrica, effects, cori


Principi fondanti di questo progetto:


- sintetizzare tutte le nostre esperienze musicali, passate e presenti, che vanno dalla musica antica al progressive rock, dal folk al blues;


- elaborare elettronicamente, mediante delays, loop machine ed altro, la voce e strumenti quali ghironda, chitarre e percussioni, pur mantenendone il calore e la forza espressiva.


Un’operazione dove musica antica, brani originali (con testi in latino, inglese antico, francese) ed elettronica si fondono e in cui la melodia rimane protagonista, pur lasciando ampi spazi all’improvvisazione e alla sperimentazione sonora.


world contemporanea

KATIA PESTI

pianoforte solo  / world contemporanea

KATIA PESTI - LA MUSICA LUNARE

Musica Lunare è un concerto-video che integra elementi musicali eterogenei del repertorio strumentale della compositrice Katia Pesti a interventi di musica elettronica curati dal musicista Francesco Paolo Maimone. I due artisti dialogano in un reciproco rapporto di scambio nel quale il suono acustico viene preso, suonato, mutato, per andare successivamente a sommarsi alla performance pianistica live. Sullo sfondo di questa vera e propria sinfonia contemporanea scorrono delle immagini astratte dall’universo strumentale di Katia.Il paesaggio sonoro che circonda la musicista, fatto di percussioni ed altre invenzioni musicali, è evocato da riprese video che ritraggono oltre al piano il particolare set che popola la musica di Katia Pesti. In questo percorso visivo che metaforicamente allude ad un viaggio cosmico, alla stregua di “2001 Odissea nello spazio” sono citate alcune sequenze del celebre film pioneristico “Voyage dans la lune” del 1902 di Georges Mèliés, che diventa il legame narrativo e simbolico del concerto-video: andare oltre le proprie possibilità, oltre la propria conoscenza ed aprirsi ad una sensibilità “altra” che la musica, tra le arti, meglio rappresenta. L’intero video assume così il ruolo di “colonna visiva”, alcune volte didascalica, altre più astratta diventando al pari della musica per film, un ulteriore strumento espressivo



world contemporanea

vai alla scheda

vai alla scheda

vai alla scheda

vai alla scheda

vai alla scheda

vai alla scheda