.

RMR-121 / 2008  •  CLAUDIA BOMBARDELLA  "UN MONDO FRA LE MANI"

(placeholder)
(placeholder)
(placeholder)

ASCOLTA

listen  /  download digital version

DISPONIBILE IN CD E DIGITALE

sito sviluppato da RadiciMusic Records

(placeholder)

CARATTERISTICHE


. 17 brani

. musiche e arrangiamenti Claudia Bombardella

. libretto 32 pagine a colori con foto e testi

. traduzione dei testi in italiano e inglese

. Digipack 3 ante in carta pregiata

1. Tarantorta 5:12

2. Bardesum 5:35

3. Il canto delle braci 5:10

4. Il pendolo 7:51

5. Froh zu sein 0:18

6. La filatrice di perle 5:41

7. Luna nera/Antico richiamo 6:28

8. To hear an oriole sing 2:22

9. Ke mariposa 3:54

10. Silentium 6:13

11. Desir d’amor 3:58

12. Souffle de vent 2:46

13. Volti sottili 2:35

14. La giostra 4:20

15. Heymo Kva 2:26

16. Montesole 1:55

17. Il naso/Tarantrulla 5:03

QUALITA' MADE IN ITALY

LIBRETTO 32 pagine

click to enlarge image   /  pause on hover

Musiche, arrangiamenti - Claudia Bombardella


CLAUDIA BOMBARDELLA ENSEMBLE

CLAUDIA BOMBARDELLA - voce clarinetti, sax baritono, fisarmonica

GLORIA MERANI - violino, voce

FILIPPO BURCHIETTI - violoncello, voce

SILVIO TROTTA - mandolino, bouzouki chitarra battente, tamburello

MASSIMO PINCA - contrabbasso, voce


Occhi seduti in un cantuccio

osservano la cerimonia

dell'inquietudine:

nel cuore una corda tesa vibra

come un trillo impercettibile

incessante che prosciuga

la fonte del pensiero,

mentre l orecchio assetato

cerca, cerca, cerca

fra i desideri che si muovono

nel turbinio della mente,

il cuore distilla una goccia

che scorre lentamente

lungo le pareti dei ricordi

cogliendone il sapore,

per finire sulle mani

che come fertili zolle

accolgono,

scaldano e danno vita

a una metamorfosi

senza fine


TARANTORTA

Testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Boia s’è torta la tarantorta Una zampetta ce l’ha più corta Ma di ballar non smetterà Ottavi zoppi in quantità

Ma di ballar non smetterà Ottavi zoppi in quantità

Pare risorta la tarantorta

Per morder il naso a chi la vuol morta Pizzica l’anima a chi vuol morire Strappa un sorriso a chi vuol gioire Pizzica l’anima a chi vuol morire Strappa un sorriso a chi vuol gioire


Good Heavens the tarantorta is all crooked One leg has become a lot shorter

But she’ll not stop dancing

Crooked octaves as much as you want But she’ll not stop dancing

Crooked octaves as much as you want

The tarantorta seems resurrected To give a bite at the nose of

Who wants her dead

She pinches the soul of those Who want to die

She snatches a smile from those Who want to be happy

She pinches the soul of those Who want to die

She snatches a smile from those Who want to be happy




BARDESUM

Testo tradizionale Armeno

Musica di Claudia Pasetti Bombardella



Bardesum varter paz vaz Ghesbassé sokaghin Arant sokhag tharamaz Garodem besskhaghin Arant sokhag tharamaz Garodem besskhaghin

Artiok ovè, thure thagum Akhsirdès ghethora Siruis ures ghenùm Akhsirdès ghekhara Siruis ures ghenùm Akhsirdès ghekhara

Kedaghi aliknerà Pekhumé khaidalov Sirakhari aceriz Ardesuk tapelov Sirakhari aceriz Ardesunk tapelov

Artiok ovè, thure thagum Akhsirdès ghethora Siruis ures ghenùm Akhsirdès ghekhara Siruis ures ghenùm Akhsirdès ghekhara


Nel giardino è sbocciata una rosa Aspettando il canarino

Senza di lui appassisce

Non vedo l’ora di sposarmi con te

Chissà chi ha chiuso la porta Il mio cuore trema

Dove vai amore mio?

Il mio cuore balla

Le lacrime che scorrono

Dagli occhi del mio amore Luccicano come le onde del fiume

Chissà chi ha chiuso la porta Il mio cuore trema

Dove vai amore mio?

Il mio cuore balla


Waiting for the little canary

Without him it will wither away

I can’t wait to marry you

Who knows who closed the door My heart is trembling

Where are you going my love ? My heart is bouncing

The tears which are streaming

From the eyes of my love

Are glistening like the waves of the river

Who knows who closed the door My heart is trembling

Where are you going my love My heart is bouncing




LE BRACI

Testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Scoppian le braci ardenti Dentro a un piccolo cuor Scuoton macigni pesanti Che cedono al loro ardor

Fuggo lontano

Le braci mi chiamano

Cedo sedotta e ascolto

Il canto impalpabile dell’amor

Un granello di polvere si posa accanto a te

Silenziose le braci accolgono la sua essenza Meravigliate della sua impalpabile bellez- za

Sorridon, sorridon le braci

Al caldo profumo d’amor

Ardon le braci, dentro a un piccolo cuor

“vola una mosca

assapora il profumo

di un’anima in preda all’amore”


THE SONG OF THE EMBERS

The flaming coals are bursting Inside a little heart

They are shaking heavy stones Which surrender at their ardour

I am fleeing far away

But the embers are calling me I surrender seduced and listen To the impalpable song of love

A grain of dust is setting down beside you Silently the embers are welcoming it’s essen- ce

Amazed by it’s impalpable beauty

They are smiling, smiling these embers At the warm flagrance of love

They are burning those embers

Inside a little heart

“and a fly is fluttering around absorbing the perfume

of a soul captured by love”




IL PENDOLO

Testo tradizionale

Musica di Claudia Pasetti Bombardella


Et quand leur larmes caressent nos petites joues

Elles chantent au rhytme d’une pendule...”


(Il pendolo, inesorabile,

Segna il tempo e lo scandisce rumorosamente.

E allora ci rivolgiamo alle nuvole

E a loro affidiamo le nostre speranze,

Ma quando esse poi carezzano

Di lacrime le nostre guance,

Ci accorgiamo che il loro canto

Segue anche lui il ritmo del pendolo)


Szòl a Kakas màr

(Testo tradizionale Ungherese)

Szòl a Kakas màr

Majd meg virrad màr

Szöld erdöben sik mezöben Sétàr egy madàr

Micsoda madàr,

Micsoda madàr,

Sàrga làba kék a szàrnya Engem oda vàr


(Già canta il gallo,

Mentre sorge il giorno

Nel bosco verde e nel campo deserto

Passeggia un uccello

E quale uccello,

Ha le zampe gialle e le ali azzurre

E mi aspetta lì)


It’s in the clouds that Hope is hiding

And when their tears are caressing our cheeks They sing at the rhythm of a pendulum

And the rooster is already crowing

While the day is getting born

In the forest and in the desert fields

A bird is walking along

And what kind of bird,

It has yellow legs and blue wings

And it is waiting for me there




FROH ZU SEIN

  

Froh zu sein bedarf es wenig Und wehr froh ist, ist ein König


Per essere felici ci vuole poco E chi è felice è un re


It takes very little to be happy And who is happy is a King




LA FILATRICE DI PERLE

Dedicato a Daniela Raggi

Testo italiano e musica Claudia Pasetti Bombardella

Testo sardo Luca Ubaldu Cascinu


La filatrice di perle era una donna, una donna del mar,

Alle sue perle diceva che mai più si voleva sposar

Stava seduta nel suo cantuccio

Quando le mani iniziarono a tremar

Era la danza delle perle

Fra le sue dita tutto un saltar


“Narami, narami, u’ contu Narami chen’e finì Narami pena e tormentu Pro chi t’axudid’arrì

Fogu dd’abbruxidi lentu

Su ki t’ha fattu suffrì

Ddi cabit raju e scramentu ‘nka non ddu torrint a bi”


(Raccontami una storia Raccontamela senza smettere

Parlami di pena e tormento

Perché t’aiuti a sorridere

Il fuoco bruci lentamente

Colui che t’ha fatto soffrire

Gli scenda un fulmine e uno spavento)


And she told her pearls that she would never marry again

She was sitting in her little corner

When her hands started to tremble

It was the dance of the pearls


Da un bel cassetto del cuor cavava una voce piena d’ardor  

Ad ogni perla cantava un pezzetto del suo dolor

Ognuna serbava un segreto modesto

Ma insieme legate volevan parlar

Volevano chiedere di ritornar

Fra le sue mani ad ascoltar


Tell me a story

Tell it without without an end

Tell me about pain and torment

So that it will help you to smile

That the fire may burn slowly

The man who made you suffer

And that a lighting may hit him and

Frighten him to dead


“Tzerria su ‘entu ‘e mistrale

Sui’’ de menzanu a merì

Su mare fatzat pesare

Ki s’arregollada a ti

Pigati, pigati tottu

Prus non keremos bessì

Bogati ‘e coro su luttu

Canta de amore onnia dì“


(Chiama il vento di maestrale

Soffi dalla mattina alla sera

Faccia agitare il mare

Perchè ci raccolga a te

Prenditi prenditi tutto

Non vogliamo più andar via

Togli la tristezza dal cuore

Canta d’amore ogni dì.)


From a little drawer of her heart she pulled a

Passionate voice

And every pearl was singing a little piece of her pain       

Each of them kept a little secret

Which were jumping around between her fingers


Trecce di perle viaggiavano di mano in mano

Finchè un bel giorno il canto di un gabbiano le destò:

Dai colli stanchi delle belle signore

Tutte le perle iniziarono a vibrar


Please call the Mistral

And make it blow all day long

Ask him to rough the sea

So that it brings us back to you

Take it , take it all

We don’t want to go away any more

Take the sadness away from your heart

And sing of love every day

Strings of pearls were travelling hand in hand

Till one day the song of a sea-gull woke them up:

From the tired necks of the beautiful ladies

All the pearls started to tremble

And an explosion made them fly out

In a sky of drops of the sea

And then they came rolling down and returned to her

To listen to her warm voice again

Talking about love




LUNA NERA / ANTICO RICHIAMO

Testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Luna nera danza nel buio

L’ombra del rimorso perdura

Scava la sua fossa

Mentre il cuore ingrossa


Voce dov’è?

Chiama chiama

Voce dov’è?

Scioglie la voce dov’è?

Chiama chiama


Voce che, dissolve, scioglie, che  

Luna che, colora e muove

In un pianto, in un pianto


Ave maria


The black moon is dancing in the dark

The shadow of remorse is insisting

Digging it’s grave

While it’s heart is swelling

Voice where are you?

Call call .

Voice where are you ?

Loosen up  voice where are you?

Call Call .

Voice which fading away, loosens, which..

Moon which is coloring and moving

In tears, in tears

Ave Maria .


Suonano, risuonano

Onde senza volti

Come un antico richiamo

Che stordisce.

E si diffonde

L’esile potenza

Racchiusa in un guscio

Dalla forma incerta


Una sottile nuvola vola nel buio

Sospesa fra due mondi

Si lascia portare.

Il suo canto sicuro


They are sounding and resounding

Waves without faces

Like an ancient recalling

Which is dazing.. and

The weak strenght

Closed inside a shell

Of uncertain shape Is spreading out

Galleggia e si dissolve

Nell’infinito spazio di un respiro


A slender cloud is flying in the dark

Suspended between two worlds

And it let itself be leaded.

It’s unerring song

Is floating around and dispels

In the infinite space of a breath




TO HEAR AN ORIOLE SING ...

Testo di Emily Dickinson

Musica di Claudia Pasetti Bombardella


To hear an oriole sing

May be a common thing

Or only a divine

It is not of the bird

Who sings the same unheard,

As unto crowd

The fashion of the ear

Attireth that is hear

In dun, or fair

So whether it be rune

Or whether it be none

Is of within


Sentir cantare un rigogolo

Può essere cosa comune

O assolutamente divina

Non è per l’uccellino

Che canta sempre uguale, inascoltato,

O davanti alla folla

La qualità dell’orecchio

Veste ciò che ode

Di scuro,o di chiaro

Per cui che sia una runa

O non lo sia

Dipende da noi



KE MARIPOSA

a Claudia

Testo di Luca Ubaldu Cascinu (2004)

Musica di Claudia Pasetti Bombardella


Una Jana mala depìat essi

Sa ki m’inc’at tiratu

Sas alas pitzinnas ‘e ischina

Pro mi negare su volu

Pro no mi fagher gustare

Sabore durze ‘e libertade

Unu dimoniu mannu depìat essi

Su ki m’at inserratu

De oro sos brutzos in catena

Et filos de seta at movitu

Pro no mi fagher intendere

De vida sonos e bontade

Unu bisu léggiu depìat essi

Su ki m’at atziccatu

Anima, coro e intragna

Pro mi lassare buita

Pro no mi fagher ‘mentare

Calore plenu de ammistade

Jana, dimoniu e bisu depiant’essi

Sos ki ‘nd’appu bogatu

Pro no suffrire pena

Nuos ‘e seta appu strogatu

Pro chi mi torri a volare

Ke mariposa in custa nova etade


COME FARFALLA

Una Strega dev’esser stata

Quella che mi ha strappato

Le piccole ali dalla schiena

Per impedirmi di volare

Un Diavolo potente dev’esser stato

Quello che mi ha stretto

I polsi in catene d’oro

E fili di seta ha mosso

Per non farmi sentire

Suoni e bontà della vita

Quello che mi ha sconquassato

Viscere anima e cuore

Per lasciarmi vuota

Un brutto Sogno dev’esser stato

Per non farmi rammentare Il calore pieno dell’amicizia

Strega, Diavolo e Sogno devono esser stati Quelli che ho cacciato

Per non soffrire più.

Nodi di seta ho sciolto

Perché ritorni a volare

Come farfalla nella stagione nuova.


LIKE BUTTERFLY

It must have been a witch

Who took me away

The little wings from my back

To stop me from flying

Per non lasciarmi assaporare

Il senso dolce della libertà

And not to let me taste

The sweet sense of freedom

It must have been a powerful devil

Who locked my wrists

In golden chains

And who moved silk strings

Not to let me hear

The sounds and the goodness of life

It must have been a bad dream

The one that has upset

My bowels, soul and heart

Leaving me empty

Not letting me remember

The full warmth of freindship

Witch, Devil and Dream

I must have driven them away

As not to suffer any more

Silk knots I have loosened

So that I can start to fly again

As a butterfly in a new season




SILENTIUM

Testo di F. Tiutjev (1829-1830)

Musica di Claudia Pasetti Bombardella


Taci, nascondi e cela

Le emozioni e i sogni tuoi:

Che nel profondo dell’anima Sorgano e tramontino essi

In silenzio, come gli astri della notte:: Contemplali, e taci.

Come può il cuore esprimere se stesso?

E’ mai possibile che un altro ti capisca?

Comprenderà mai ciò di cui tu vivi?

Il pensiero divenuto parola è menzogna.

Sommuovendole, intorbidi le fonti,

Bevi da esse e taci.

Sappi soltanto vivere in te stesso:

Nella tua anima c’è tutto un universo

Di misteriosi, magici pensieri;

Il fragore esterno li confonderà,

Li dissolveranno i raggi del giorno:

Ascolta il loro canto, e taci!


How can the heart express it’s feelings?

Is it possible that somebody else can understand you?

Understand whatever you are living of ?

The thoughts which have become words are lies

If you move them, you trouble the wells,

Ease your thirst from them and keep silent

Just know how to live inside yourself

In your soul there is a whole universe

Of mysterious and magic thoughts,

The roaring outside will confuse them

The sunrays of the day will dispel them

Listen to their song and keep silent




DESIR D’AMOR

testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Denso, nel mio cuor si muove

Caldo, il desir d’amor.

Sale lento desir d’amor

Qual carezza che sfiora il cuor


CANZUNA NUSTRE

Testo tradizionale abruzzese

Da cente e cente vocche

Si cante li canzune,

Le bbille ’spressiune

Che ll’aneme ti tocche

Labbre di merganate,

Vocche fuchente e vvive

Rijempie di mutive

Sti culle e sti vallate


DESIRE FOR LOVE

Dense and warm in my heart

Is moving the desire for love.

It slowly rises the desire for love

Like a caress which touches the heart


OUR SONG

With hundred and hundred voices

One sings the songs

The beautiful expressions

Which touch the heart

Lips of pomegranate

Voices fiery and alive

Are filling with melodies

These hills and these valleys

All of a sudden

It makes you feel cheerful and gay

Melancholy is dying

While love is awaking again

And I feel that also my heart

Has started beating faster

And I would like to find

A new song for love





SOUFFLE DE VENT

Testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Si un souffle de vent pouvait éffacer la mémoire de nos crimes,

Si le pinceau d’un poète pouvait balayer la poussière du remord,

Si nos cœurs ne résonnaient pas au son de la cloche appelée douleur

Pourraient donc nos yeux s’éblouir et notre regard s’incliner

à la beauté.


Se un soffio di vento potesse cancellare

La memoria delle nostre meschinità,

Se il pennello di un poeta

Potesse spazzare via la polvere del rimorso,

Se i nostri cuori

Risuonassero al suono della campana del dolore,

I nostri occhi potrebbero

Illuminarsi e inchinarsi di fronte alla bellezza


If a whiff of wind could cancel

The memory of our meanness

If the pencil of a poet

Could brush away the dust of remorse

If our hearts could ring out

At the sound of the bell of pain

Then our eyes could

Lighten up and bow in front of beauty  




LA GIOSTRA

Testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Nel calderone di un cuore antico

Scende la notte inquieta

Cala il manto fra gli ingranaggi

Di una giostra ferma


Posa la mano sulle criniere

Sfila il morso caldo

Muove le dita fra i desideri

Di una danza sopita


Dagli occhi velati dei cavalli stanchi

Sorge inaspettata la maestosità

Spezza l’anello forgiato dalla cecità

E mentre la giostra si sfalda

Nasce la libertà


Giungon le sentinelle dai bui fondali

Puntano le armi sull’indomito ardor

Ma spunta il giorno clemente

Acceca i carcerieri del cuor

Si volge e sorride alla giostra

Che cigola senza rancor


THE MERRY-GO-ROUND

In the melting pot of an antique heart The restless night sets down

The mantle lowers over the gearings Of a sleeping merry-go-round

It puts it’s hands on the manes, Pulls out the warm bit

Moves its fingers among the desires For a drowsy dance

From the veiled eyes of the tired horses Unexpectedly the majesty arises

Breaking the chains of blindness

And while the merry-go-round falls into pieces Freedom is born

The sentries are coming out of the dark Pointing their arms at such untamable daring But then the gentle day comes along

Blinding those jailors of the heart

It turns and smiles at the merry-go-round Which continues creaking without any grudge




HEIMO KVA

testo tradizionale, dialetto Setesdalen

Norvegia


Heymo kva det song i li

Vokna de guedelige drengje

De høyre Nykkjen på havet scri

Fordì hev sove tije for lengje


Nykkjen han talar til styringsmann

Vokna de guedelige drengje

Du styrer mitt skipp på kristeland

Fordì hev sove tije for lengje


Eg vil meg på kristeland gå

Vokna de guedelige drengje

Den vene jomfru hva vil eg få

Fordì hev sove tije for lengje


Ho stakk til Nykkjen i holamot

Vokna de guedelige drengje

Og odden han rann i hjarterut

Fordì hev sove tije for lengje


Her ligg du Nykkjen for ravn og hund

Vokna de guedelige drengje

Ennå så hev eg min kvearlund

Fordì hev sove tije for lengje


Dalla collina Heimo canta questa canzone

„svegliatevi ragazzi buoni

Perchè avete dormito troppo a lungo”

Loro sentono Nacken che cammina sul mare


Nacken parla al timoniere

„svegliatevi ragazzi buoni

Perchè avete dormito troppo a lungo”

Porta la mia barca in terra cristiana


Io voglio andare in terra cristiana

„svegliatevi ragazzi buoni

Perchè avete dormito troppo a lungo”


Voglio prendere la bella vergine

Lei accoltellò Nacken nella pancia

„svegliatevi ragazzi buoni

Perchè avete dormito troppo a lungo”

E il coltello entrò nel suo cuore


Qui giaci, o Nacken,per gli uccelli rapaci e i cani

„svegliatevi ragazzi buoni

Perchè avete dormito troppo a lungo”

Io ho ancora un posto dove cantare


On the hill Heimo is singing this song

„wake up good boys

Because you ’ve been sleeping too long”

They hear Nacken who walks on the sea

Nacken says to the helmsman

„ wake up good boys

Because you ’ve been sleeping too long”

Bring my boat to a Christian land

I want to go to Christian lands

„wake up good boys

Because you’ve been sleeping too long”

I want to catch the beautiful virgin

She stabbed Nacken in his bellows

„wake up good boys

because you’ve been sleeping too long”

And the knife entered his heart

Here you’re lying, o Nacken, for the

Birds of prey and the dogs

„wake up good boys

Because you’ve been sleeping to long”

I ’ve another place where I have to sing a song




IL NASO / TARANTRULLA

Testo e musica di Claudia Pasetti Bombardella


Cerco il mio naso,

Io non lo trovo proprio ...

Cerco cerco ma non trovo ...

“mi dica un po’, mi dica come farò” ...  

“cercalo” ...


Tenghene poco d’ansia tenghe tenghene ...

Tenghene poco d’apprensione ...


Cercando il mio naso

Si alzano le vele

Dell’ombra mia scura

Che mormora

Che scaglia

Pensieri inquieti

Sotto agli occhi di una mente

Che osserva nel silenzio

Chiedendosi perché ...


I am looking for my nose

But I really cannot find it ...

I’m looking, I’m looking but I don’t find it ...

“Tell me, please tell me, what can I do” ... “Look for it” ...

I am a bit anxious, I am, I am ... I am a bit worried ...

Looking for my nose

The sails of my dark shadows

Are getting set

And they whisper

And throw around restless thoughts Under the glance of a mind

Which observes in silence

Asking why ...


TESTI